Questo sito web utilizza i cookie.
Questo sito web utilizza i cookie tecnici. I Cookie di profilazione sono utilizzati da contenuti di terze parti.
Continuando la navigazione sul nostro sito, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni fai riferimento alla Cookies Policy.

logotype

Racconti di Stelle

Pro Loco “Bastiano Unali” Cossoine - Regione Autonoma della Sardegna

S’Arza Teatro - Associazione Culturale

Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo

Società Astronomica Turritana

Racconti di Stelle
Le Costellazioni fra scienza e mito

Progetto di cultura astronomica e tolleranza culturale
rivolto ad adulti, famiglie, ragazzi e bambini della scuola primaria

 

Ore 18.30 VISITA GUIDATA AL SANTUARIO DI SANTA MARIA ISCALAS a cura della Dott.ssa Mariangela Cau.

Ore 19.30 INCONTRO GASTRONOMICO – Cena sotto le stelle con specialità tipiche locali (Costo cena 5 euro).

Ore 21.00 Spettacolo teatrale RACCONTI DI STELLE di Romano Foddai, con Paola Dessì e Stefano Petretto, luci e fonica di Emilio Foddai, a cura del teatro S’Arza.

Ore 22.00 lezione di astronomia COSTELLAZIONI TRA SCIENZA E MITO a cura del Prof. Giannicola Cabizza - osservazione delle stelle con il telescopio a cura della Società Astronomica Turritana.


“Racconti di stelle – le costellazioni fra scienza e mito” è uno spettacolo riconosciuto per la sua rilevanza dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Il progetto, rivolto ad adulti, famiglie, ragazzi e anche ai bambini della scuola primaria, ricalca l’infinitamente piccolo inserito in uno spazio immenso, fatto di stelle, galassie, pianeti ma anche meteore. Un momento di approfondimento culturale e uno spazio conoscitivo dell’universo e delle sue componenti ma anche una riflessione sull’inutilità della guerra fra culture, egualmente insignificante rispetto alla grandezza del Cielo. Sull’onda dell’indignazione emotiva provocata dagli attentati terroristici a Charlie Hebdo, al negozio ebraico di Parigi e fino ai recenti eventi, si snoda la prima parte del progetto, chiara reazione alle aberrazioni degli ultimi tempi con una proposta culturale che, nell’aiutare le condizioni di una reciproca conoscenza delle diverse culture, annulli la strategia terrorista che contrappone cristiani, ebrei e musulmani.
Nasce così lo spettacolo “Racconti di stelle”, frutto di una ricerca condotta su alcune tradizioni ebraiche della cultura chassidica dei primi anni del Novecento e forme tradizionali della Sardegna arcaica dello stesso periodo, analoghe per temi e caratteristiche.
Attraverso la collaborazione con il docente di teatro David Zinder dell’Università di Tel Aviv si è scelto di raccontare il dramma di Semën An-skij “Dybbuk”, storia di ragazzi innamorati, di promesse non mantenute dai rispettivi genitori, disarmonie conseguenti, sacrificio per la ricerca della perfezione di ciascuna anima nell’ascesa verso Dio.
Lo spettacolo è stato rappresentato nel recente mese di Luglio 2016:
- Al Festival Internazionale) presso il Teatro Nazionale della Casa della Cultura di Kardzhali (Bulgaria)
- Nel programma nazionale e Internazionale del Teatro Nazionale Sylza Ismyah di Sofia.
- all’interno di un programma internazionale di Musica e Teatro alla sala San Pietro in vincoli Zona Teatro Torino
- nel programma Nelson Mandela International Day presso il Parco del Gelso del Centro Sociale “Orologio” di Reggio Emilia
- nel Programma Internazionale presso l’anfiteatro di Bassano in Teverina (Viterbo)
Con Maria Paola Dessì e Stefano Petretto
Scrittura scenica e regia Romano Foddai
Collaborazione alla drammaturgia Renata Molinari
Consulenza sulla cultura ebraica David Zinder
Disegno luci Tony Grandi
Suono Emilio Foddai
Nella seconda e terza parte del progetto, verranno illustrate le componenti del cielo, contemporaneamente all’apparire delle prime stelle e fino a completo oscuramento notturno. Si terrà una vera e propria lezione di astronomia a cura del Prof. Giannicola Cabizza e sarà possibile osservare le stelle con il telescopio, sotto la supervisione della Società Astronomica Turritana.