Questo sito web utilizza i cookie.
Questo sito web utilizza i cookie tecnici. I Cookie di profilazione sono utilizzati da contenuti di terze parti.
Continuando la navigazione sul nostro sito, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni fai riferimento alla Cookies Policy.

logotype

Conferenza a Cossoine sul “cantu a boghe 'e chiterra logudoresu”

CONFERENZA  A COSSOINE SUL 

“CANTU A BOGHE 'E CHITERRA LOGUDORESU”

COSSOINE-  La storia del canto a chitarra logudorese dalle origini agli anni settanta,  raccontata e analizzata con aneddoti, ascolti di documenti storici ed esempi  musicali. E’ questo il nuovo progetto della Pro Loco “Bastiano Unali”, sorto in collaborazione con il Comune di Cossoine, la Regione Autonoma della Sardegna e il Prof. Rolando Piana, docente di musica ed esperto di storia e tradizioni canore. L’appuntamento è per venerdì 28 luglio 2017, alle ore 21, presso il sagrato della Chiesa parrocchiale di Santa Chiara.

Si tratta di una vera e propria conferenza sul canto sardo tradizionale, quello che affonda le proprie radici nei tempi lontani di chi ha vissuto, nel Logudoro, le antiche gare di canto sui palchi, in “sos zilleris” e nelle cantine. La pura essenza del canto a chitarra, riscoperta attraverso racconti, documenti e storie semplici, comunque colme di tradizione e cultura canora.

Nell’occasione non potrà mancare l’analisi attenta e puntuale della figura di Mario Mannu, storico “cantadore” cossoinese, per anni costante presenza sui palchi della Sardegna. Il Prof. Rolando Piana ne traccerà il profilo storico e culturale negli esempi sonori dell'epoca ma sarà la stessa presenza di Mario Mannu a impreziosire la serata, attraverso aneddoti e testimonianze dirette.

La conferenza si chiuderà con l’esibizione di canti a chitarra accompagnati da Rolando Piana  con l'antico stile ad arpeggio. Sotto l’egida di Mario Mannu, si esibiranno diversi ospiti: Giacomo Madeddu di Cossoine, Franco Demuru di Oschiri, Franco Figos di Giave, Gavino Loria di Romana, Matteo Dore di Osilo. Non mancherà neppure Nicola Saba, chitarrista cossoinese e non mancheranno i numerosi appassionati locali, i quali, si è certi, daranno più di un contributo alla riscoperta del canto tradizionale a chitarra.