Questo sito web utilizza i cookie.
Questo sito web utilizza i cookie tecnici. I Cookie di profilazione sono utilizzati da contenuti di terze parti.
Continuando la navigazione sul nostro sito, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni fai riferimento alla Cookies Policy.

logotype

A COSSOINE IL QUARTO RADUNO DEI CAMPANARI

A COSSOINE IL QUARTO RADUNO DEI CAMPANARI

 

 

COSSOINE –Si terrà il 20 agosto 2017, presso la pineta comunale di Via Berlinguer, il quarto raduno dei campanari, promosso dalla Parrocchia Santa Chiara, in collaborazione con la Pro Loco “Bastiano Unali”, l’Avis comunale, la Consulta Giovanile, il Comune di Cossoine e il Comitato Santa Chiara Fedales 1967.

La direzione dell’iniziativa è curata dal Parroco, Don Peppino Lintas, in tandem con Peppino Milia, Presidente dell’Associazione  Campanari Sardegna, la quale raccoglie circa 85 campanari.

I campanari, quali menestrelli di Dio, da sempre scandiscono i momenti più significativi della vita delle comunità. Il rintocco della campana segna infatti, fin da tempi antichi, il momento del lavoro, i fatti e le esperienze di vita, le attività della giornata. La manifestazione è voluta per sensibilizzare sull’importanza del ruolo dei campanari, oggi ultimi paladini di una cultura che va scomparendo nel tempo. Un ruolo che ha sempre marcato gli aspetti sociali e religiosi con scampanii diversi  per ciascuno di essi, esercitato da persone di animo buono, riservate, umili, spesso silenziose ma altrettanto preziose per le comunità.

Francesco Mannu, noto Cichineddu, è oggi l’ultimo campanaro di Cossoine, seguito a una tradizione di campanari che negli anni hanno portato avanti questa nobile arte: Giuanneddu, tiu Barore Cuccureddu, tiu Pedru Istoccoro, tiu Buccianu Piras, tiu Dominigu Masala.

L’appuntamento è per le ore 9.30, con il raduno e le iscrizioni lato palco pineta comunale, alle ore 10.30 si terrà il saggio di suono e scampanio nelle diverse versioni delle tradizioni locali, alle ore 12.00 la Santa Messa e a seguire il pranzo sociale aperto a tutti gli intervenuti. I campanari che ancora volessero iscriversi possono telefonare al n. 328-1358100.