Questo sito web utilizza i cookie.
Questo sito web utilizza i cookie tecnici. I Cookie di profilazione sono utilizzati da contenuti di terze parti.
Continuando la navigazione sul nostro sito, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni fai riferimento alla Cookies Policy.

logotype

OVAZIONE A S’ASPRU PER LA DISFATTA E LA RISCOSSA

OVAZIONE A S’ASPRU PER LA DISFATTA E LA RISCOSSA

In piedi e con lunghi applausi, la Comunità omaggia i liceali

 

 

SILIGO – Quando alla fine dello spettacolo i giovani di S’Aspru si sono alzati in piedi per applaudire senza sosta il lavoro dei liceali, si è capita, oltre ogni ragionevole dubbio, l’importanza del dono consegnato alla Comunità. E’ lo stesso Padre Morittu a definirlo tale nel ringraziare la Pro Loco di Cossoine e i ragazzi del Liceo Scientifico di Pozzomaggiore per il progetto sul Centenario della Grande Guerra: “Un dono prezioso che è sceso in mezzo a noi come un pane caldo da masticare, un regalo che ha infuso nella Comunità un bel sentimento di rivalsa, espresso nell’esempio e nella forza dell’interiorità, che gli ospiti di S’Aspru vanno ricercando”.
E’ domenica ed è l’ottavo giorno del mese di aprile 2018, l’atmosfera dell’attesa segna il passo dei giovani di Mondo X che, ordinatamente composti, riempiono la platea allestita nella sala conferenze. Sul palco, giovanissimi studenti si ritrovano disposti per file, emozionati e coinvolti in una esperienza che li vede modello, agli occhi di chi ha perso la via maestra ed è impegnato nel ritrovarla. Il livello di attenzione è alto, il pubblico segue passo passo l’evolversi dell’esperienza del Milite Ignoto, impersonato dalla voce calda ed emozionata di Edoardo Solinas. Seguitissimi anche gli approfondimenti delle sfaccettature della guerra, scanditi dalle musiche di Egidio Campus: il momento dell’assalto, riflessosi nella dolce interpretazione di Chiara Fadda, sulle note del “Dimonios” della Brigata Sassari; l’avventura dei soldati italiani nei postriboli militari, materializzatasi nella passionale autenticità con la quale Francesco Bosincu ha saputo calare lo spettatore nel quotidiano di quel vissuto; le due individualità – una ostile all’altra – combattute fra la coscienza dell’uomo e il dovere del soldato, ben rappresentate da Maria Teresa Fais, con materna espressività. E ancora il ruolo di Andrea Sardu, nel momento gioviale dello sbeffeggiare gli alti Comandi, reso ilare dalla bella voce di Fabiola Casule, questa volta accompagnata - al suo debutto - da Fabio Sias, giovanissimo studente del biennio, di recente entrato a far parte del progetto.
Le conclusioni sono affidate, nelle mani del Presidente Pro Loco, Piero Foddanu, alla consegna della targa ricordo e degli omaggi per la biblioteca locale. Al momento della conviviale, allestita dalla Comunità con un banchetto di dolci pasquali, simbolo della rinascita, un’esibizione fuori programma per voce e piano di Edoardo Solinas, Fabiola Casule e Fabio Sias, ha coinvolto tutti sulle note del “Perfect” di Ed Sheeran e “Alba Chiara” di Vasco Rossi. I saluti affettuosi e gli abbracci finali hanno segnato un arrivederci che, si è sicuri, non si farà attendere.