Questo sito web utilizza i cookie.
Questo sito web utilizza i cookie tecnici. I Cookie di profilazione sono utilizzati da contenuti di terze parti.
Continuando la navigazione sul nostro sito, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni fai riferimento alla Cookies Policy.

logotype

Ruggeri riempie l’Anfiteatro di “Mejlogu”


Ruggeri riempie l’Anfiteatro di “Mejlogu”

La Cultura delle Tradizioni porta in mostra ben 34 espositori

 

COSSOINE: Un bilancio nel complesso positivo per l’edizione 2012 della Mostra Mercato dei prodotti tipici e delle attività artigianali locali, nella due giorni di eventi di sabato 16 e domenica 17 giugno.

34 espositori, circa 2000 visitatori, 25 artisti fra pittori, scultori e musicisti, 136 opere in mostra, un raduno di 200 partecipanti e 90 auto d’epoca: questi i numeri registrati dal piccolo paesino del Mejlogu, ancora al centro di grandi proposte culturali.

Ad inaugurare l’evento il Sindaco del paese, l’Assessore Provinciale al Turismo, Lino Mura, il Presidente Provinciale Unpli, Eleuterio Longu. Tutti hanno sottolineato l’importanza di sostenere il trittico cultura, economia, turismo, a sostegno della microimprenditoria artigianale, malgrado l’austerità della crisi porti a ridurre prioritariamente proprio gli interventi nel settore culturale.

Angelo Deriu, in rappresentanza del gruppo intercomunale Isperas, ha sancito la collaborazione con la Pro Loco per l’allestimento dell’iniziativa e l’importanza di fare sistema fra attori locali per la divulgazione della cultura e l’incremento delle proposte.

Quale evento a diretto sostegno del turismo, è stata presentata la guidina di Cossoine, prima uscita delle quindici dei paesi del Mejlogu, curata da Delfino Editore e distribuita nelle librerie ed edicole sarde.

Presentato anche il libro dello scrittore bonorvese Francesco Manai, in connubio con l’opera del Genovese Matteo Bordiga. Il primo, “la forza della verità e l’amore per la libertà”, è stato uno spaccato dell’autore sulla realtà del suo tempo; la seconda, “dieci ballate per la vita e per la morte” una visione dell’essere ispirata all’opera di Fabrizio de Andrè, espressa nella toccante recitazione dei versi.

Seppure caratterizzata da un’affluenza limitata dalle afose temperature diurne, la mostra mercato è stata come sempre oggetto di contatti fra operatori commerciali ed ha registrato, nonostante il periodo di crisi, una buona tenuta dell’agroalimentare, preferito all’oggettistica.

Apprezzamento anche per la passerella di artisti dalla Sardegna e dal mondo, riuniti nella terza di Arteggiandoci, rassegna d’arte a completa regia di Francesco Dau. Gli artisti hanno saputo trasformare l’area verde della pineta comunale in uno spazio di arte, colori e suoni, alternati fra sculture e pitture. Ad accompagnare le diverse opere in mostra sono state le note della “Burrito Jazz Quartet”; la band parmense ha saputo raccogliere attorno a se la particolare attenzione degli intenditori di nicchia, attenti alle novità originali che ogni edizione dell’evento riserva loro.

Allo stesso modo, una piccola grande finestra d’arte è stata aperta dalla mostra fotografica “Sardegna quasi un continente” di Marco Crillissi. La proposta, allestita nella splendida cornice degli spazi museali della Casa Parrocchiale, ha saputo esprimere nei diversi scatti, con immagini impresse completamente su pellicola, la forza della cultura delle tradizioni in Sardegna.

L’appuntamento clou del concerto di Enrico Ruggeri non ha ovviamente tradito le aspettative dei molti: una serata di grande musica, con l’artista milanese particolarmente ispirato e un folto pubblico di appassionati, per oltre due ore immersi nelle note dei grandi successi, da “Portiere di Notte” a “Mare d’inverno”. Una straordinaria partecipazione di fan provenienti da tutta l’Isola e non solo, in un crescendo di applausi e di emozioni che ha mantenuto in pieno le promesse della vigilia. La seconda serata ha visto la partecipazione degli artisti locali, dal coro Bonu Ighinu di Mara al Coro Paulicu Mossa di Bonorva, passando per il nostrano canto a chitarra di Stefano Sotgiu da Semestene, Marco Sias da Padria, con la chitarra cossoinese di Nicola Saba e la fisarmonica del padriese Antonello Salis. Grande successo infine dei “cinquini” di cui al raduno regionale delle auto d’epoca, in una colorata passerella di motori appassionati e quattroruote storiche, dalla 500 alla 124 alla 850 fiat.

Nell’era digitale, dove è possibile esprimere opinioni e commenti, è il popolo della rete a decretare l’apprezzamento  dell’iniziativa e la soddisfazione dei risultati: così la pagina facebook della Pro Loco “Bastiano Unali” si ritrova al centro di video, foto, pensieri da ogni dove, ciascuno parte di uno spaccato di “Mejlogu” che scandisce i diversi momenti di arte, musica e cultura.

Ecco quindi alternarsi impressioni diverse che riflettono la reale percezione dell’evento, spesso sfuggente agli occhi dei locali spettatori. Fra esse:

Claudio Seda da San Gavino Monreale: “Anche quest’anno state portando avanti un grande lavoro! Tante ottime iniziative e appuntamenti, COMPLIMENTI;D un caro saluto a tutti voi!!!”

Cucilandia Sassari: “buongiorno a tutti mi complimento con gli organizzatori della festa di ieri sera a Cossoine bellissimo il concerto di Enrico Ruggeri! Come cornice tanti piccoli chioschetti dove si potevano ammirare tanti oggetti artigianali. Ogni chioschetto era contrassegnato da un cartello (tutti uguali) dove c’era il nome dell’espositore tutti della zona o giù di lì. …. Il prox anno ci riandrò di sicuro ancora. Buona domenica”

Valeria Fogli Ravenna: “Grazie di cuore, siete fantastici e professionali!!!!!!!!!!!!!”